Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie per la navigazione. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne accetti l'utlizzo.

Corso di Alpinismo 2018

Ci rivolgiamo a tutti coloro che desiderano conoscere gli aspetti più affascinanti della montagna: la roccia, la neve, il ghiaccio.
I terreni dove troviamo questi elementi sono spesso difficili e per affrontarli in sicurezza sono necessarie buone conoscenze delle tecniche di base.

Obiettivi del corso:
autonomia da “primo di cordata” su salite alpinistiche di roccia e neve con difficoltà fino a F – PD (scala francese);
conoscenza di base di geologia (ambiente alpino), orientamento e sicurezza di primo soccorso.
N° massimo partecipanti: 10-12

Programma 2018

Programma 2018

Programma:

Venerdì 11 maggio 2018: sede del CAI ore 21
Presentazione del corso base di alpinismo

Venerdì 18 maggio 2018: sede del CAI ore 21
Iscrizioni al corso. Verifica dell'attrezzatura personale necessaria per la partecipazione al corso

Giovedì 24 maggio 2018: sede del CAI ore 21
Lezione sulla movimentazione delle cordata, materiali, tecniche di assicurazione, nodi e protezione, a cura delle guide alpine e degli istruttori del CAI

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018
1° uscita: Valle Pesio - Gruppo del Marguareis
(Guide alpine e istruttori CAI)

Domenica 10 giugno 2018
2° uscita: Valle Maudagna - Palestra di roccia "Distretti" di Miroglio
(Guide alpine e istruttori CAI)

Venerdì 29 giugno 2018: sede del CAI ore 21
Lezione teorica sulle tecniche di progressione su roccia a cura delle guide alpine e degli istruttori del CAI

Domenica 1 luglio 2018
3° uscita: Valle Ellero / Valle Pesio - Cresta del Bistè, Punta Emma
(Guide alpine e istruttori CAI)

Venerdì 13 luglio 2018: sede del CAI ore 21
Lezione teorica di medicina in montagna, topografia ed orientamento, a cura delle guide alpine e degli istruttori del CAI

Sabato 14 e domenica 15 luglio 2018
4° uscita: Valle Gesso - Catena delle Guide
(Guide alpine e istruttori CAI)

Venerdì 27 luglio 2018: sede del CAI ore 21
Lezione teorica sulle tecniche di progressione su neve-ghiaccio e preparazione dell'uscita in alta montagna, a cura delle guide alpine e degli istruttori del CAI

Sabato 28 e domenica 29 luglio 2018
4° uscita: Chamonix - Gruppo del Monte Bianco
Aiguille du Tour mt. 3.542 - Traversata Aig. Sud e Nord
Pernottamento al Refuge Albert I° mt. 2.707
Formazione sul posto: cramponage, tecnica di progressione su ghiacciaio, sistemi di legatura su ghiacciaio
(Guide alpine e istruttori CAI)

 

Costo complessivo del Corso (esclusi trasferimenti in automobile o pullman e pernottamenti nei rifugi):

Euro 220,00 a partecipante (potranno essere apportate lievi variazioni fino a programmazione ultimata).

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e ambientali che si riscontreranno nelle date previste per le salite in montagna.

Per le iscrizioni al corso e informazioni sui costi definitivi fare riferimento a:
- Andrea MOTTA – tel. 338 765 0661
- Davide DHO – tel. 334 399 5350
- Sede CAI sezione di Mondovì – tel./fax 0174 46776 – email : mondovì@cai.it

Arrampicata e alpinismo

 

Ciò che accade in questo video può succedere non solo facendo sci alpinismo ma anche durante un’uscita alpinistica su ghiacciaio.

Il cedimento di un ponte di neve o ghiaccio è sicuramente la causa più frequente di caduta in un crepaccio, l’esito della caduta dipende poi da molti fattori legati alla morfologia del crepaccio, ai traumi subiti durante la caduta e certamente ad un pizzico di fortuna!

La cosa però che trovo interessante in questo caso è come lo scialpinista riesca a mantenere la calma e mettere in pratica alcune manovre fondamentali: la prima è quella di ancorarsi alla parete con un chiodo da ghiaccio con una longe in modo da non scivolare ancora più in basso se dovesse cedere il terrazzino su cui si è fermato, poi si toglie gli sci e aspetta che arrivino i soccorsi.

Nei corsi delle scuole di scialpinismo, nella dotazione di base del materiale da portare nelle uscite su ghiacciaio, penso venga consigliato anche il chiodo da ghiaccio e il suo utilizzo ma tra gli alpinisti che percorrono i ghiacciai in estate non ricordo di aver visto qualcosa di simile, o forse non l’ho mai notato!

Andrea Motta