Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie per la navigazione. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne accetti l'utlizzo.

News

E' online l'archivio della Biblioteca

Col mese di  agosto 2015  si è concluso il lavoro di catalogazione dei libri della biblioteca della Sede CAI di Mondovì.

Per la classificazione dei circa 780  libri presenti, si è adottato il sistema decimale Dewey (anche D.D.C, acronimo di Dewey Decimal Classification) che è uno schema di classificazione bibliografica per argomenti, semplificato ed adattato alla realtà della biblioteca della Sede.

Questo lavoro che è durato alcuni mesi, si è potuto portare a termine grazie all’Ing. Franco Baietti che ha messo a disposizione della Sede un software da lui realizzato, molto semplice e pratico da utilizzare che consentirà una facile consultazione dei libri disponibili.

Il lavoro pratico di catalogazione è stato portato avanti con molta pazienza da Anna Massari con il contributo di Irma Bovolo.

Ora l’elenco dei testi disponibili e il regolamento per poter accedere ai libri è anche sul sito, con la possibilità di consultare e stampare le schede dei volumi.

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALL'ARCHIVIO ONLINE

La sistemazione della Biblioteca è certamente un traguardo meritevole che porta prestigio alla Sede considerato il considerevole numero dei libri, tra i quali sono presenti testi che rappresentano la storia della letteratura alpinistica italiana, internazionale e della nostra sezione che sono ormai introvabili e molti di questi  sono stati donati e scritti da alcune figure storiche della nostra sezione quali ad esempio Sandro Comino, Piero Billò e Tonino Vigna.

Nonostante il web sia ormai pieno di siti di montagna dove compaiono le notizie delle imprese alpinistiche in tempo reale e dove ognuno può inserire le proprie “imprese”, la lettura di un buon libro è qualcosa in più perché oltre al presente, ci consente di conoscere la storia dei monti e il pensiero dei pionieri che si sono avventurati su di essi.

La speranza quindi è che l’afflusso alla biblioteca ridiventi un momento importante della vita della nostra sezione e che possa rappresentare uno stimolo alla frequentazione attiva della sede sociale

A. Motta