Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie per la navigazione. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne accetti l'utlizzo.

Soccorso Alpino

soccorsoalpino

La legge n.91 del 26Gennaio 1963 ha demandato al C.A.I. il compito istituzionale di assumere adeguate iniziative tecniche per la prevenzione degli infortuni nell’esercizio dell’alpinismo, per il soccorso di alpinisti ed escursionisti infortunati o pericolanti per qualsiasi causa, nonche il recupero delle salme dei caduti .
Per far fronte a queste incombenze il C.A.I. ha creato al suo interno il CORPO NAZIONALE SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO che ha per sigla C.N.S.A.S.
L’assemblea dei delegati del CAI riunitasi in seduta straordinaria il 19 dicembre 2010 a Verona ha inoltre stabilito il passaggio del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino da struttura operativa del CAI a “sezione” al pari del CAAI (Club Alpino Accademico Italiano) e dell’ AGAI (Associazione Guide Alpine Italiane) al fine di potere richiedere  l’assunzione della personalità giuridica e la conseguente limitazione di responsabilità al patrimonio  associativo.

SOCCORSOALPINO
SOCCORSOALPINO

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico costituito da Volontari e ha per scopo :

- Contribuire alla vigilanza ed alla prevenzione degli infortuni nell’esercizio delle attività connesse all’ambiente montano e delle attività speleologiche

- Soccorrere in tale ambito gli infortunati, i pericolanti, cercare i dispersi e recuperare i caduti;
concorrere nell’ambito delle proprie competenze istituzionali al soccorso in caso di calamità, anche in cooperazione con le strutture della protezione civile;
gestire anche in concorso con altri enti, centrali operative di soccorso, basi di elisoccorso dislocate sul territorio piemontese;

- curare la formazione dei Volontari da adibire a tutti i servizi istituzionali;

IL SOCCORSO ALPINO PIEMONTESE (S.A.S.P.)

Il soccorso alpino e speleologico Piemontese ha sede a Torino ;ed è organo periferico del C.N.S.A.S. con sede a Milano .
Il S.A.S.P. è suddiviso sull’area regionale in 9 zone dette Delegazioni alle quali spetta il coordinamento delle rispettive stazioni di competenza inquadrate su base territoriale .

XVI DELEGAZIONE DI MONDOVI’

La XVI Delegazione di Mondovì coordina tre Stazioni. Garessio, Mondovì, Valle Pesio .
Alle Stazioni di soccorso, rispettivamente Alpino e Speleologico, compete l’intervento diretto sugli incidenti .
La Stazione di Mondovì, ha base in Mondovì, via Cuneo n.27 il telefono della centrale operativa è 0174/47147, presso la sede della Croce Rossa Italiana con centralino in funzione 24 ore su 24 .
L’allertamento può anche essere trasmesso contattando la centrale 118 specificando che si tratta di un intervento di competenza del Soccorso Alpino .
L’organico della Stazione è composto in totale da 40 Volontari, tra i quali n.2 Istruttori Nazionali, n. 7 Tecnici di elisoccorso, n.15 tecnici di soccorso alpino, n.4 medici e n. 1 unità cinofila da valanga .
La Stazione di Mondovì ha come territorio di competenza la zona compresa tra la Valle Cevetta e la Valle Ellero/ Lurisia.
I Volontari in caso di necessità, vengono allertati dai responsabili della Stazione (capo stazione, vice capo stazione, Delegato ); le squadre di soccorso dall’inizio dell’intervento alla sua conclusione sono auto sufficienti, autonome ed indipendenti.
Squadre di Volontari del S.A.S.P. di Mondovì sono presenti, nel periodo invernale, nelle principali Stazioni sciistiche del monregalese, con la funzione di soccorso piste, e pronto intervento in caso di incidenti valanghivi .

Nel periodo estivo, ogni Rif. in quota della zona di montagne del monregalese ha il telefono e una radio per allertare le centrali 118 di competenza .
In caso di necessità occorre contattare la centrale 118 ( specificando che si tratta di un intervento alpino ) la quale attiverà i mezzi di soccorso più rapidi ed efficaci per portare nel minor tempo possibile il soccorso alle persone infortunate .